Progetto CIVICA: dispositivo per la raccolta di idee (per il Mercato, la Città, il Territorio, il Pianeta) presso il Civico Mercato di Iglesias.





Da lunedì 2 Maggio, presso il box del Civico Mercato di Iglesias è collocato un Dispositivo per la Raccolta di Idee (per il Mercato, la Città, il Territorio, il Pianeta).

Il Dispositivo ricorda in toto un contenitore della raccolta differenziata, primario strumento civico per una partecipazione ecologica, ma, allo slogan “Fai la differenza, butta qui la tua idea!”, si possono gettare solo delle idee attraverso quattro fessure dove inserire i moduli appositi; è dotato di rotelle e potrà essere trasportato in giro per il mercato con delle azioni mirate ad invitare le persone alla raccolta di idee. 





Il dispositivo è nato da un concept partito dalla necessità di raccogliere dati e monitorare il percorso partecipativo alle idee anche in maniera scientifica. Sviluppato da un modello ispirato al Business Model Canvas, permetterà allo staff di CIVICA di rispondere in maniera adeguata alle idee proposte elaborando progetti mirati alle esigenze degli operatori, degli utenti del mercato e, in prospettiva, del suo auspicato rilancio nel sistema produttivo e relazionale con la città ed il territorio.




Il dispositivo è stato ideato e realizzato dal Collettivo Giuseppefraugallery con la Master class della Scuola Civica Arte Contemporanea, (Giorgia Cadeddu, Raffaella Carcangiu, Fabio Gambella, Lorenzo Luciani, Simone Melis, Sabrina Oppo, Valentina Rota, Luca Setzu, Tullio Tidu).









-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
-C I V I C A - Percorsi d'Arte pubblica e partecipata al Mercato Civico di Iglesias
Stiamo pensando ad uno spazio realmente attivo nella promozione del territorio, della cultura e dell’eno-gastronomia di qualità, ideando una serie di interventi mirati al recupero estetico e funzionale dell'edificio, all'ottimizzazione delle attività fisse e la creazione di una struttura articolata e flessibile che possa aumentare l'offerta con degustazioni ed esposizioni anche a carattere temporaneo: un vero e proprio Centro civico del gusto, in grado di proporsi come un polo culturale e che sappia attrarre sia i cittadini che i turisti
Gli operatori del mercato saranno coinvolti in maniera che le loro esigenze siano il motore delle azioni da mettere in campo: insieme a loro saranno individuati sia gli interventi all'interno che quelli all'esterno.
Non solo artisti ed architetti, sono chiamati a collaborare anche designer, chef, agronomi, economisti, sociologi, antropologi e qualsiasi altra professionalità possa rivelarsi utile, e disponibile, a portare nel nostro progetto e nel nostro territorio idee, soluzioni ed occasioni di confronto e di crescita.


CIVICA è coordinato da Stefano Boccalini (artista e docente di Arte pubblica alla NABA di Milano) e dal Collettivo Giuseppefraugallery.
Comitato Scientifico: Francesco Careri (architetto e docente di Composizione architettonica e urbana presso il Dipartimento di Architettura dell’Università di Roma Tre), Micaela Deiana (curatrice indipendente, collabora con Flash Art e il Giornale dell'arte), Ettore Favini (artista e docente alla NABA di Milano), Luca Francesconi (artista e rubricista Gambero Rosso), Luisella Girau (architetto ed autrice della pubblicazione I Sottsass in Sardegna), Giangavino Pazzola (Curatore indipendente, Ph.D. student in Urban and Regional Development presso il Politecnico e l’Università di Torino, project manager per lo sviluppo locale a base culturale), Gianni Pettena (architetto, professore di Storia dell’Architettura Contemporanea all'Università di Firenze e di Progettazione alla California State University), Alessandra Pioselli (critico, curatore, collaboratrice di Artforum, direttore dell’Accademia di Belle Arti G. Carrara di Bergamo e docente di Arte pubblica presso il master in economia e management dell’arte e dei beni culturali del Sole24Ore), Giorgio Viganò (collezionista, ex presidente dell'Osservatorio permanente sul mercato immobiliare).